AFFRANCATURE DI POSTA AEREA IN ITALIA NEI PRIMI PERIODI TARIFFARI DEL SECONDO DOPOGUERRA

Esponiamo argomento d’interesse per gli esperti di posta aerea, ovviamente relative alla storia postale e alle tariffe.

Perciò facciamo un viaggio indietro nel tempo (virtuale!) nel 1947: l’Europa è ancora in piena ricostruzione post-bellica e soprattutto l’Italia, che ha subito grandi devastazioni in tutto il centro-nord a causa dei bombardamenti aerei alleati. I collegamenti aerei nel 1946 vengono pian piano ripristinati tra i paesi europei, con l’eccezione della Germania e dell’Albania che dovranno aspettare fino al 1949.

Nel Marzo 1946 vengono anche diramate le prime tariffe valide per i paesi extraeuropei, che quindi rappresentano il primo periodo tariffario post-bellico, e che rimarranno in vigore per circa un anno fino al 15 Marzo 1947, quando entriamo quindi nel secondo periodo tariffario. E qui accade una cosa alquanto strana, una di quelle che raramente si vedono nella nostra storia postale (e non solo): ci sono delle riduzioni tariffarie!

Non tutte le tratte subiscono riduzioni, alcune vengono semplicemente arrotondate, ad esempio le tratte via Marsiglia per l’Africa da 31 a 30 Lire, altre leggermente aumentate (via Cairo), mentre tutte quelle servite da New York e per il Sud America subiscono notevoli riduzioni da 6 fino a 38 Lire!
Questa ‘manna’ purtroppo avrà breve durata: già dal 1 Settembre dello stesso anno le tabelle delle soprattasse vengono completamente riviste, ovviamente aumentate, e non di poco. Ciò fu dovuto in parte anche all’inflazione galoppante che regnava nel nostro paese, con la nostra ‘Liretta’ sempre più svalutata, infatti le soprattasse dei paesi extraeuropei vennero tutte più che raddoppiate.

Io mi sono quindi interessato a questo piccolo periodo, diciamo di acque calme prima della tempesta, che durò appunto poco più di cinque mesi. Le corrispondenze aeree per me più facili da trovare sono sicuramente quelle per gli Stati Uniti (se non vogliamo fare grandi investimenti economici per le destinazioni più strane o inconsuete), ma sicuramente chi vorrà potrà fare una ricerca anche per i grandi stati sudamericani, con i quali esisteva notevole corrispondenza col nostro paese, come Argentina e Brasile.

Tornando agli Stati Uniti dunque, vediamo che la tariffa per l’invio di lettera semplice entro i 5 grammi passò da 46 Lire (15 x estero + 31 sovrattassa) a 40 Lire (15 x estero + 25 sovrattassa): nella grandissima parte dei casi l’affrancatura veniva composta da esemplari della serie Democratica (con varie combinazioni) oppure abbinamenti Democratica ordinari+aerei. In quest’ultimo caso sarebbe interessante trovare l’esatta composizione 15 Lire ordinario con il 25 Lire Aereo, che può essere sia azzurro che bruno (emesso 23.07.47 e quindi molto più raro, possibile per poco più di un mese), e che io purtroppo non sono ancora riuscito a trovare 

:desp:

Se invece escludiamo la massa delle affrancature ordinarie e volgiamo la nostra attenzione alle serie commemorative, ci accorgiamo che nel periodo in questione ci sono esclusivamente due possibilità: la serie Avvento della Repubblica, valida per tutto il periodo in questione, e la serie di posta aerea del 50° della radio emessa il 1 Agosto e quindi possibile per soli 30 giorni.
Ebbene, dulcis in fundo vi presento i miei due reperti, che presentano l’utilizzo esclusivo di commemorativi, in uso semplice (cioè multiplo dello stesso valore).

MarcoAffrancature di Posta Aerea in Italia nei primi periodi tariffari del secondo dopoguerra